Il gruppo musicale Tammorra si è formato nel 1992 con precisi intenti culturali indirizzati alla diffusione dei valori della tradizione popolare del meridione d'Italia. 


Negli anni la produzione del gruppo si è sviluppata in maniera originale, elaborando uno stile compositivo ed esecutivo personale che, contaminando gli originari elementi stilistici della tradizione del Sud Italia con differenti generi musicali, si alimenta delle diverse esperienze musicali dei singoli musicisti.

 

Attraverso le proprie composizioni oggi la band reinterpreta con nuova forza espressiva i ritmi, le melodie e le danze della Sicilia e delle diverse culture del Mediterraneo.


La musica è, per i Tammorra, l'espressione dell'anima di un popolo, del modo di sentire l'amore, la morte, la gioia, la magia, la vita ed essendo per sua natura un linguaggio transcuturale che attinge dalla diversità, mischia, muta, accomuna e avvicina per sua stessa vocazione le culture.


I testi, espressi con il linguaggio metaforico tipico del dialetto siciliano, diventano così una risorsa comunicativa piuttosto che un ostacolo linguistico ed un tramite per parlare d’amore, di ribellione, di impegno sociale. Gli arrangiamenti, frutto della ricca tavolozza ritmica e timbrica, l’utilizzo di strumenti tradizionali e contemporanei, l’uso polifonico delle voci e le travolgenti performance live contraddistinguono poi il suono dei Tammorra.

La band si è esibita in Italia, Germania, Malesia, Svizzera, Austria, Slovenia, Portogallo, Spagna, suonando nei più prestigiosi teatri, festival, club e pubblicando due CD ‘Ballu Tunnu’ e ‘Sali’ (Biber Records).

 

Dopo una lunga storia e migliaia di concerti alle spalle Massimo, Salvatore, Luca, Nicolò e Vittorio  si sono riuniti per continuare un’ esperienza musicale tutt’altro che esaurita, pubblicando l'album 'Anthology 1995 - 2017' prodotto dall'etichetta francese Buda Musique