CH'È PERSU

Testo: * Salvatore Meccio / ** Tradizionale

Musica: Salvatore Meccio, Massimo Laguardia, Nicolò Terrasi, Luca Lo Bianco

Arrangiamento: Tammorra

La ricerca di un’amore si può condurre in tanti modi, Cola lo fa poeticamente tra un bicchiere di vino e il parlare nei locali notturni, ritrovandosi comunque solo al mattino nel suo letto.

** Fussi la petra di lu tò scaluni, unni lu jornu ti metti assittari

Fussi ‘na frunna d’arvulu d’amuri, du suli ti vulissi arriparari

Si fussi stidda, fussi luna e suli e ‘m pettu a tia vinissi a ripusari

Si fussi aceddu di milli culuri, vinissi ‘n testa a tia bedda a cantari

 

* Ch’è persu, Cola ch’è persu, si vippi ‘u ciriveddu

‘R’arreri a ‘na picciotta ‘u sangu su tira e l’ammutta

C’arriri e ci riscurri comu fussi prufissuri

Ci parra di l’amuri tinennusi ò bicchieri

 

Ch’è persu, Cola ch’è persu, zappa ‘u tirrenu

Ci chianta ‘anticchia ‘i luna abbrivirannula ‘i vinu

Ci posa ‘na carizza e lu cori ci ‘ntrizza

Cu ‘na irlanna ri ciuri i milli culura

 

coro: trippa la panza, sata lu peri, ‘nnaca la testa, vota ‘u bicchieri

 

Ch’è loccu, Cola ch’è loccu, ‘a picciotta sapi ‘u jocu

Ci runa ‘na vasata pi farisi ‘a jucata

Ci offri lu jardinu ‘n’t’ò lustru du vinu

Zappa l’addannatu e si curca a matinu

DIAVULI E SANTI

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio, Vittorio Catalano, Giampaolo Terranova

Arrangiamento: Tammorra 

Su questa terra assistiamo alla lotta eterna tra il bene e il male. A volte ne siamo partecipi, sta a noi decidere da che parte stare. In ogni caso non si può restare a guardare inerti come dei buoi da tiro nel proprio campo.

 

Curriti, curriti 

Curriti tutti quanti

Ca si scarrianu Diavuli e Santi

 

Paci e guerra 

S’a jocanu ‘a la morra

 

Lu jovu di li buoi lu voi o nun lu voi?

La carretta tiri e ti fa ‘i fatti tò?

 

Bonura e malura 

Cumannanu ‘i pinzera

 

Pinzari, ‘un pinzari

Ciriveddu ‘un mi ‘ncuitari

 

Morti e vita 

Cu vinci poi t’ammita

A passiari cu la nova zita

 

Lu jovu di li buoi lu voi o nun lu voi?

La carretta tiri e ti fa ‘i fatti tò?

GIUVANNI

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio, Vittorio Catalano, Luca Lo Bianco

Arrangiamento: Tammorra

Giovanni ha scelto una vita al di fuori degli schemi imposti dalla società. Qualunque sia la ragione per cui lo ha fatto egli è un uomo libero che, nonostante le apparenze, merita rispetto per il coraggio della sua scelta.

Giuvanni si vistiu ‘i foddi

Attruvò ‘na radiolina, si l’attenta sempri

Va furriannu pi li strati

E arriri a tutti ‘n facci

Puru a chiddi chi sunnu siddiati

 

Cunta ‘i muschi ‘ntall’aria

Ma si si ferma parre e sparra

Dici ca è sulu comu un cani

Ma unn’è cani picchì parra

 

Quanta genti, chi cunfusioni

Si pisciò ‘i supra, fa ‘mprissioni!

 

Chi ci riri ? ‘Un lu ‘ncuitari

Unn’u viri ca è omu libbiru

E si lu pò pirmettiri ‘i fari!

VECCHIASTRINA

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio

I bambini aspettano con grande trepidazione e anche ansia l’arrivo della Befana. La notte della vigilia del 6 gennaio, tra la veglia e il sogno i pensieri si alternano tra il desiderio di giocattoli e il timore di ricevere il carbone.

Vaiu vulannu a cavaddu ri ‘na scupa

‘ntra lu scuru ri la notti m’infilu ‘nte casi

 

Sugnu vecchia e ‘un ci sentu

A li prieri ri la fausa genti

Sentu sulu ‘a vuci ri nichi

Ma si unu nun’è sinceru

Iu ci portu sulu pagghia e carbuni

 

Vecchiastrina bedda ca veni ri luntanu

Portani tanti joca ca jucamu

Portani pupazzi, strummuli e cappeddi

Spadi e pistulicchi, mutura e machinicchi

Portani matiti, carta e punzedda

Ca tincemu cu li culura e l’allegria nun ni mori

 

Ora dormi e fai la vò

Si nun t’addummisci a befana nun veni

Lu ti cantu la ninna nanna e tu chiamala dintra lu sonnu

Idda senti sulu ‘a vuci ri nichi

Ma si unu nun è sinceru

Idda ci porta sulu pagghia e carbuni

ARIA DILICATA        

 

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio, Vittorio Catalano, Massimo Laguardia

Arrangiamento: Tammorra

Nello scorrere inesorabile della mia vita incognita, restano saldi alcuni sentimenti come l’amore, il radicamenti alla terra d’origine e le storie vissute sulla propria pelle, elementi che mi portano ancora oggi a contemplare la bellezza della natura quale unico riferimento sensoriale in questo viaggio terreno.

 

Comu ‘ciumi scurri ‘a me vita

Scinni lesta ‘ntra li petri e va

E tu ca m’accumpagni aria dilicata

M’accarizzi cu l’amuri chi sai dari

Arruspigghi li me sensi addummisciuti

‘ntra lu lettu di lu ciumi

 

Comu arvulu ‘a me arma s’annaca

Si movi persa versu lu granni celu

E vui ca mi tiniti radichi putenti

Fermu comu un chiovu chiantatu ‘n’terra

Dati linfa all’amuri chi haju

Pi ‘stu munnu marturiatu

 

E arricanusciu ‘u sapuri du mari salatu

Ammiru li luci du celu stiddatu

Mi piaci tuccari li campi di granu

E rispirari finu ‘n‘funnu

L’erbi ciaurusi chi duna la natura

 

Comu libbri parranu ‘i me manu 

Viri quantu su ‘i cosi chi hannu tuccatu

E ‘sta peddi mia morta e rinata

Mille e mille voti sempri chiù timprata

Mi fa sentiri lu suli e ‘u ventu

E trimari di piaciri

L’ACCHIANATA

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio, Vittorio Catalano, Luca Lo Bianco, Nicolò Terrasi, Massimo Laguardia 

Arrangiamento: Tammorra

Una metafora ironica sul senso della vita, giocata sulla devozione bigotta che inneggia al sacrificio. 

Alla fine Turi comprende che per rivoluzionare e migliorare la propria esistenza è meglio donare e gioire che chiedere e soffrire.

Miii… menzujornu è

Certu ca cavuru fa!

Ma ch’è fari:

Eppuru ‘st’annu ‘st’acchianata mi l’è fari

Susutu o addinucchiuni?

Addinucchiuni forsi è megghiu!

E si poi arrivannu dassupra

‘un succeri nenti…

Eppuru c’è pruvari…

Bon’è, bon’è …pigghia e mi ni tornu!

 

Sulu, sulu java jennu

P’acchianata ‘i munti piddirinu

Scavusi e addinucchiuni

Senza ‘ciatu sutta ‘u suli

Cu ‘a lingua a pinnuluni

Tuttu frariciu ‘i sururi

 

Me nanna mi lu rissi:

Si tu soffri mentri acchiani

Tutti li favura chi c’addumanni

Ti li fa passari

Idda è bona, è biniritta…

Ma l’acchianata ti l’ha fari tutta!

Fatti curaggiu Turi ca cancia la tò vita

Si vò ca cancia fatti curaggiu

‘un c’è duluri, ‘un c’è sururi

Chi nun si merita li favura

 

Menzu mortu c’arrivaju

‘nt’a la grutta stinnicchiavu

N’happi ‘a forza di parrari

Ca tuttu ‘nzemmula ‘na vuci mi dissi:

«Turi chi porti lu sò nomi

J’é picchì voi purtari puru la sò cruci?

Chi ti criri chi scurciannuti ‘i rinocchia

‘na vota ogni cinc’anni t’arriparu tutti ‘i danni?

Susiti e vattinni

Ca unn’è tempu di favura

Si vò canciari a tò nanna ‘un l’attintari

Chiuttostu parti c’un muturi

E quannu torni diricami ‘na canzuna!

Canta e canta Turi ca ti passanu li guai!»

Calia simenza e babbaluci  m’è manciari

A festa ra me Santuzza

E juochi ‘i focu a la marina haju a taliari

E grirari a vuci forti:

È viva, viva Santa Rusalia

È viva sempri à Santuzza mia

Evviva Santa Rusalia!

 

BALLU TUNNU

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio

Arrangiamento: Tammorra

Abbiamo la possibilità di cambiare la musica a questo ballo che è la nostra vita imponedo nuovi passi alla danza che conduciamo ; bisogna solo avere il coraggio di farlo. Non mi stancherò mai di dirlo ripetutamente fino a farvi scoppiare la testa …solo la danza resterà a guidarci nel nostro cammino.

Cu è ca dici ca nun si pò fari nenti

Nun teni panza en un si fa prisenti

 

A stu ballu ca è la vita, ballati genti

Ca cancia la sunata

Quannu vui abballati

Mi faciti squagghiari

 

Unn’è ca è scrittu ca chi hamu a fari ‘u bottu

Tantu l’haj’a diri e l’haj’a cuntari

Ca la testa v’havi a scattari

 

Chi duluri chi mi veni si ti metti a grirari

Statti zittu pi favuri vogghiu sulu abballari!

 

TU COMU STAI? 

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio, Vittorio Catalano

Arrangiamento: Tammorra

Si va troppo di fretta, non prendiamo il tempo per chiederci come stiamo!

Non possiamo restare superficiali per nutrire un’esistenza vana in questa struttura sociale che ce lo impone. Allora vorrei reagire, se necessario anche con violenz,a a questa imposizione ; però la violenza non porta ragione, dunque meglio trovare ancora la forza per parlarti di sole, di terra, di mare, del fuoco, delle stelle e della maniera in cui amarci. Ma l’amore non si racconta perchè è fatto di carezze, fiati di cuori e di occhi carichi di desiderio.

 

Tu comu stai? Io mi sentu sulu ‘n’menzu a tutti li me guai

E quannu mai aviri ‘anticchia ‘i tempu pi parrari di nui dui?

Ti vulissi diri cu tuttu ‘u beni di ‘stu cori quanta forza chi ci voli 

Pi parrari di terra, di mari, di suli, di stiddi

di focu e faiddi e di comu n’hamu amari

 

Ma l’amuri ‘unn’é parrari

L’amuri chi m’ha dari

É fattu di carizzi e ciatu di cori

É fattu di occhi ca si vonnu taliari

É fattu di occhi ca si vonnu  manciari

 

Tutta la notti stesi additta pi attruvari ‘sti paroli:

«Oi chi ti pari ca pirdemu ‘a vita pi sfamari quattru ‘nfami?»

E ti dicu cu tutta ‘a raggia di ‘stu cori quanta forza chi ci voli

P’un tagghiari, ‘un affucari, ‘mmilinari e ammazzari

A tutti chiddi ca mi fannu ‘ncazzari

 

Ma ‘a vinnitta ‘un fa ragiuni

‘A raggiuni fa parrari

É fatta di paroli e di vuci ‘ncazzati

É fatta di occhi ca ti vonnu pirciari

É fatta di occhi ca t’hannu a bruciari

 

Tu comu stai? Io mi sentu sulu ‘n’menzu a tutti li me guai

E quannu mai aviri ‘anticchia ‘i tempu pi parrari di nui dui?

MANU CU MANU

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio, Vittorio Catalano, Nicolò Terrasi, Luca Lo Bianco 

Arrangiamento: Tammorra

Le mani sono il riflesso delle nostre azioni, del nostro modo di essere. Prendere coscienza di ciò può incoraggiarci a farle evadere da prigionie mentali e aiutarci a vivere il presente. Tu cosa fai fare alle tue mani?

 

Talia ‘sta manu comu si movi:

‘na taddarita versu lu lustru

 

Havi ‘i tant’anni ch’è carcirata

Voli scappari supra ‘sti cordi

 

Quantu cosi sapi fari

‘nt’havi ci retti ‘na manu a scappari

 

Ora pò fari chiddu chi voli

E tu a li tò manu chi ci fai fari?

 

Manu cu manu s’aicontranu a sunari

Manu manuzzi pi ghiucari

Manu cu manu si tha sciarriari

Manu e manu a fari l’amuri

MALA LUNA

Testo: Salvatore Meccio

Musica: Salvatore Meccio, Massimo Laguardia

Arrangiamento: Tammorra

 

La licantropia in questa canzone è invocata da un essere del tutto comune, come forza soprannaturale per avere il coraggio di reagire ai soprusi del malgoverno e delle persone che come lupi affamati divorano le anime della gente perbene. È un canto di protesta, di esortazione alla ribellione nella piena coscienza di essere sottomessi ai potenti adepti del denaro e dello sfruttamento. 

Santu Vitu di li cani cunfurtatimi dumani

Ca c’è ‘a luna china e lu mali si scatina

A prissioni sinn’acchiana e li nervi m’arrimina

 

Passu ‘i jorna da me vita travagghiannu e priannu

Zittu e manzu comu un cani

Appuzzu a testa pu guvernu

Parru picca e bivu assai e ogni ghjornu sunnu guai

 

Ma quannu sentu ‘i lupi rucculiari

‘sta pazzia mi l’haju a sfuari

M’acchiana ‘u sangu ‘n’testa e fazzu festa

Votu l’occhi sutta e ‘n’capu

 

Santu Vitu di li cani attaccatimi li mani

Tinitimi li peri, a luna granni è ‘n’celu

Commigghiatimi l’occhi, commigghiatili c’un velu

 

‘I lupi ‘n’tò guvernu hannu fattu troppu ‘nfernu

Lu lupu di lu statu cchiù d’un Santu è priatu

‘U lupu di la chiesa mancia, ‘ngrassa en un si pisa

E ci dici puru ‘a missa pi l’aricchi di li fissa

 

‘I lupi ‘n’te spitali su cchiù bestia di l’armali

Tu t’aspetti ‘a miricata quannu ‘a fossa è già scavata

Poi c’è ‘u lupu di li lupi ca movi tutti comu pupi

Si t’afferra chi sò manu puru tu dintra ‘u tianu

Santu Vitu cori miu parratici vui cu Diu

Ca dumani pò finiri a schifiu

S’incocciu quarchi lupu mafiusu

Doppu ‘u pirdonu ma prima l’affucu